Guadagnare con Facebook nel 2017



Guadagnare con Facebook è una pratica possibile ma per farlo nel migliore dei modi bisogna conoscere le potenzialità di questo social. Ovviamente non è un impresa facile soprattutto se non si dispone di tempo, pazienza e inventiva. Come per tutte le attività di guadagno on line, una buona conoscenza dei meccanismi di advertising risulta necessaria per far fruttare le proprie passioni. A tal proposito sono numerose le persone che hanno imparato a guadagnare con Facebook con il proprio profilo o con la propria pagina fan.

Prima di stilare una lista dei principali step che vi consentiranno di monetizzare il vostro tempo sulla vostra pagina social, è indispensabile chiarire un aspetto: senza costanza e determinazione il guadagno resterà una chimera. Ragion per cui se volete guadagnare con Facebook stabilite subito degli obiettivi e impegnatevi a realizzarli senza farvi mai scoraggiare dai possibili ostacoli che si presenteranno nel vostro percorso.

L’impegno previsto nelle prime settimane, se non nei primi mesi, è a costo zero, nel senso che non vi viene richiesta nessuna somma da investire e di conseguenza si dovrà lavorare gratis. Ma solo investendo il vostro tempo in maniera mirata e cioè attraverso una serie di accorgimenti potrete successivamente ottenere una consistente remunerazione che sarà prodotta dalla credibilità conquistata dalla pagina social della vostra attività.

Nonostante i vari tentativi da parte di Facebook di incentivare la monetizzazione tramite una serie di piani di investimento da parte degli utenti, resiste una strategia vincente fatta semplicemente di like e commenti.

Attualmente il social ha ridotto in maniera drastica la percentuale di visibilità delle pagine fan in modo da spingere gli utenti ad investire per moltiplicare il numero delle visualizzazioni. In siffatto contesto l’unico sistema gratuito che resiste è quello di creare community che siano seguite, proponendo quotidianamente post, video, sondaggi, insomma qualsiasi cosa che possa innescare un’interazione come un commento o un like. Meglio ancora se gli altri utenti condividono quel post aumentando il numero delle visualizzazioni e incoraggiando l’engagement.


Di conseguenza il segreto per far fruttare una pagina Facebook non sta tanto nell’incremento dei fan che comunque sono necessari, ma nel numero delle interazioni. Questo perché molti utenti tendono a diventare fan di una pagina senza poi ritornarci effettivamente arrivando quasi a dimenticarsi di appartenere a quella community. Tale massa disinteressata non porterà a nessun guadagno. L’ideale è che ci sia un ottimo equilibrio tra numero di interazioni e numero di fan attivi.

A quel punto possiamo provare tre strade, ognuna delle quale consente di guadagnare con Facebook a seconda della tipologia della vostra attività. Tenendo bene a mente che ogni pagina social non solo è destinata ad un target di riferimento differente ma può avere una tipologia di conversione diversa. Ragion per cui c’è chi punterà sulla vendita di alcuni prodotti, chi si impegnerà a reperire contatti a cui offrire delle promozioni, chi coinvolgerà gli utenti per ottenere dei feedback sulla propria attività, ecc.

In questo scenario si configurano tre strategie:

  1. Vendere spam di altri siti: la Rete pullula di gestori di siti web che cercano pubblicità e accessi e che sono disposti a pagare per averli.
  2. Condividere post di propri siti: se avete associato alla vostra pagina un blog o un sito di e-commerce che sta ottenendo consenso e visualizzazioni potete sfruttare la popolarità del vostro progetto on line per guadagnare su Facebook.
  3. Promuovere la propria professione: per questo obiettivo è particolarmente consigliato Linkedin, ma Facebook ha il merito di riuscire a trasformare i fan in clienti grazie ad una serie di strumenti di advertising offerti dal social.

Guadagnare con Facebook è una pratica possibile per tutti, dato che il social ha messo a punto un sistema di ADS potenzialmente aperto a tutti coloro che vogliono far fruttare il proprio tempo sulla piattaforma che sia attraverso il proprio profilo o la propria pagina fan. Chiunque quindi può sponsorizzare un post, che in questo modo viene visualizzato da un numero consistente di visitatori. Tale percentuale dipende da quanto si investe giornalmente, tenendo bene a mente che Facebook Ads consente di ottenere traffico anche con investimenti bassi.

A tal proposito vogliamo porre la vostra attenzione sul ruolo dei Promoted Post che permettono di ampliare il ciclo di visibilità che solitamente ha un post. Essi non sono altro che una modalità di promozione a pagamento basata sui contenuti pubblicati come aggiornamenti di stato all’interno della fan page. Lo scopo di tale post “promosso” è quello di raggiungere il maggior numero di visitatori, facendo conoscere così la propria pagina e dunque la propria attività.

Tali Promoted Post hanno un prezzo minimo di offerta di 4 euro, inoltre consentono la promozione di qualsiasi tipologia di aggiornamento di stato (sia testuale che visivo, per cui anche video, immagini e sondaggi). Infine la promozione di un post a pagamento dura 1 giorno dall’inizio della promozione. In questo modo non siete vincolati ad investimenti continuativi e potete verificare nell’immediato i pro e contro del vostro post, valutando se sia il caso modificare l’offerta, estendere o interrompere  la durata della promozione all’interno del pannello di Facebook Ads.

Creare un Promoted Post è molto semplice dato che bisogna semplicemente inserire la vostra offerta e l’intervallo di tempo in cui volete promuovere quello specifico post. Ovviamente per ogni budget scelto viene visualizzato l’entità numerica degli utenti che potrebbero essere raggiunti dal vostro post, andando poi a decidere la tipologia di pubblico e quindi se volete estendere la visibilità anche agli amici dei vostri fan oppure indirizzare il vostro post ad un pubblico profilato (persone che scegli come destinatari) e cioè strettamente legato agli argomenti e agli  interessi trattati dalla vostra pagina.