FTP: guida pratica all’uso di FileZilla



Per caricare on line il vostro sito web o condividere file con gli amici, interagendo così con un server FTP, è consigliabile l’uso di FileZilla, un software gratuito e intuitivo capace di offrire numerosi opzioni e funzionalità che solitamente vengono proposte dai competitors a pagamento. A ciò si aggiunge un’estrema facilità di utilizzo che consente anche ai meno esperti di effettuare operazioni simili di manutenzione, arrivando a caricare manualmente plugin con un occhio di riguardo alla crittografia e alla compressione trasparente dei dati.

Attenzione però che FileZilla client non ha nulla a che fare con la versione server, solitamente consigliata per creare un servizio server FTP, utile per consentire ad altri utenti che si collegano tramite un client-ftp di eseguire upload o download di files. Infatti esso è considerato un potente strumento open source che consente di predisporre la componente server dell’architettura FTP. Mentre la versione client serve per pubblicare il vostro sito on line ed è a differenza del primo gratuito, libero e a codice aperto. Oltre tutto esso è particolarmente consiglio per caricare, modificare e cancellare file del vostro sito come se fosse un normale pc connesso ad Internet.

A tal proposito FileZilla client, disponibile per tutti i principali sistemi operativi oltre a supportare i trasferimenti di file via FTP, SFTP, FTPS (il download può essere effettuato all’indirizzo https://filezilla-project.org/download.php?type=client) è rilasciato in GPL, un’importante licenza che generalmente permette l’uso sia in ambito commerciale che amatoriale con una grande libertà di manovra. Non è un caso che secondo le statistiche Sourceforge, FileZilla è tra i primi 10 programmi open source più scaricati al mondo.

In questo articolo vi offriremo una guida pratica all’uso di FileZilla client una volta installato sul vostro pc, consentendovi di configurarlo attraverso una serie di passaggi facili ed intuitivi che non richiederanno particolari conoscenze tecniche. Prima di tutto però dobbiamo precisare che tramite FTP è possibile caricare sul server (l’hosting condiviso per esempio) i file che consentono a siti come WordPress e Drupal di funzionare, ovvero file con queste estensioni: CSS (ad esempio style.css); HTML (index.html e così via); PHP e JS (javascript).


3 sono le informazioni da richiedere al gestore del server FTP remoto:

  1. Host: nonché l’indirizzo del server che può essere un nome a dominio (tipo ftp.mio-sito.com) oppure un indirizzo IP (come 94.140.37.27)
  2. Nome utente: lo username che abbiamo abbinato alla password
  3. Password: la parola segreta che abbiamo associato al nome utente

A quel punto dovrete cliccare su Connessione Rapida che ha come unico limite il fatto di dover inserire ogni volta le stesse coordinate d’accesso. Per cui per ovviare a questa pratica noiosa e ripetitiva possiamo utilizzare Gestore siti da cui poter creare una rubrica dei server usati di frequente rendendo i collegamenti futuri rapidi e intuitivi. Di conseguenza prima di compilare con le credenziali d’accesso la sezione Generale, diamo un’occhiata ai 6 pulsanti che troviamo sulla schermata in basso a sinistra, ognuno dei quali è associato ad una specifica funzionalità:

  • NUOVO SITO: crea un nuovo account FTP
  • NUOVA CARTELLA:  crea un nuovo contenitore di account FTP
  • NUOVO PREFERITO: crea un account speciale da richiamare più rapidamente
  • RINOMINA: cambia il nome all’account corrente
  • ELIMINA: rimuove l’elemento selezionato
  • DUPLICA: crea una copia dell’account FTP selezionato

Ora possiamo inserire le credenziali necessarie per configurare la sezione Generale, laddove troveremo:

  1. HOST: l’indirizzo del server
  2. PROTOCOLLO: che deve essere impostato a FTP-Protocollo trasferimento file
  3. CRIPTAZIONE: bisogna scegliere Usa se disponibile FTP esplicito su TLS
  4. TIPO DI ACCESSO: la voce da spuntare è Normale
  5. UTENTE: digitare lo username assegnato
  6. PASSWORD: immettere la password associata.

Alla fine dell’inserimento dei dati dovrete cliccare su CONNETTI per salvare il profilo ed instaurare la connessione. Nel caso in cui state usando una connessione FTP protetta, potrebbe apparire sullo schermo una dicitura del genere (certificato del server è sconosciuto ecc.). A questo punto è particolarmente consigliato accertarvi di essere connessi al server corretto e dunque verificare attentamente che i dati di connessione dell’hosting sono quelli giusti. Di conseguenza spuntate la casella “Considera sempre sicuro il certificato” in modo che non riceverete più questo avviso e infine cliccate su OK per procedere con la configurazione.

Ora dovrete fare attenzione a due schermate che rappresenteranno per voi una sorta di diario di bordo del vostro sito on line: sulla sinistra c’è una finestra che raffigura i file contenuti nel vostro computer e sulla destra c’è una finestra che contiene i file e le directory del vostro sito web. Queste due schermate possono comunicare e trasmettere o ricevere file tra loro consentendovi di caricare i dati dal computer al vostro sito. Caricare e scaricare file in locale verso e da il vostro sito, per inciso, corrisponde con l’effettuare l’upload ed il download, rispettivamente, di file e cartelle desiderate.

Nell’eventualità in cui il gruppo di cartelle e sotto cartelle locali è uguale a quello presente sul server remoto è particolarmente consigliata la funzione Navigazione sincronizzata che permette di navigare parallelamente. In questo modo succede che quando si accede ad una cartella del disco locale, viene aggiornata di conseguenza anche la visualizzazione del server, e viceversa. Per poter attivare questa funzione bisogna ritornare sul pannello Gestore Siti, selezionare il server dalla rubrica di sinistra e cliccare sulla scheda Avanzate. A quel punto bisogna digitare sul pulsante Sfoglia per poi selezionare la cartella locale che funge da “radice”; poi fare lo stesso relativamente al server remoto nel campo Cartella remota predefinita. Infine occorre abilitare la casella Usa navigazione sincronizzata e cliccare su Connetti. Di conseguenza noterete che le due schermate mostrano le giuste cartelle nelle quali intervenire per il trasferimento file.