Quanto guadagna PewDiePie?



Da game tester a youtuber di fama mondiale la strada è breve, o per lo meno è quello che è successo ad una delle star di You Tube e cioè a Felix Kjellberg in arte PewDiePie, un giovane studente di 24 anni che ha trasformato la sua passione per i videogame in un business con cifre da capogiro con quasi 28 milioni di abbonati al suo canale, guadagnando sommariamente la cifra di 5 milioni di dollari all’anno.

Quanto guadagna PewDiePie

Quello che lo differenzia dall’italiano Favij e Yotobi, è il meccanismo da lui utilizzato per commentare, dissacrare, criticare i video game che testa personalmente all’interno del video che carica. Si tratta di giochi scaricabili sugli smartphone che vengono apostrofati come decenti, apprezzabili, deludenti e con altre parole più pesanti che rispecchiano perfettamente il gusto e il linguaggio gergale delle nuovissime generazioni che hanno bisogno di modelli che si esprimano come loro. La forza di PewDiePie sta nel numero sempre crescente di affiliati al suo canale che sfruttano la sua popolarità per veicolare prodotti, messaggi e brand che si muovono in linea con il suo stile. Si calcola che i 5 milioni di dollari all’anno ricavati grazie al processo di monetizzazione proposto da youtube con il sistema advertising siano da sommare ad un numero vertiginoso di proposte commerciali dei partnership che hanno solo da guadagnare assieme ad uno dei fenomeni social più seguiti su youtube.

L’influenza di PewDiePie è talmente grande e potente che dopo aver testato un videogioco per smartphone dal titolo Flappy Bird e averne dette di tutti i colori in uno dei suoi scanzonati video mentre ci giocava, la casa di produzione del gioco ha dovuto ritirarlo dal mercato, di contro è riuscito a far diventare dei veri e propri cult giochi che invece sulla carta sembravano non avere molte speranze come per esempio Goat Simulator che deve il suo successo proprio a PewDiePie. Ma provando a fare qualche calcolo approssimativo possiamo provare ad definire una cifra più o meno esatta che può rappresentare il guadagno al mese di questo giovane youtuber, ricordandoci che una volta calcolata la somma per il numero delle visualizzazioni bisognerà sottrarre la percentuale trattenuta dalla partnership e un’ipotetica percentuale relativa alla tassazione corrente.


Ragion per cui tenendo conto dell’ultimo mese, dove PewDiePie pare abbia guadagnato 1,2 milioni di euro in base al numero delle volte che hanno guardato i suoi video, dobbiamo dividere questa cifra per 4 da cui si ricava una somma pari a 300.000,00€ al mese, a cui bisognerà sottrarre un 35% trattenuto dalla partnership e un ipotetico 20% di tasse che lo porteranno ad un guadagno netto pari a 156.000,00€. Tale somma è destinata chiaramente ad aumentare a fronte del grande passaparola a cui sono destinati i suoi video che conquistano un numero sempre maggiore di visitatori che vogliono sapere se vale la pena oppure no scaricare un videogioco sul proprio smartphone.

Una sorta di anteprima, colorita da uno stile mai banale supportata da un commento vero e originale, insomma in linea con il linguaggio dei giovanissimi che rivedono in PewDiePie una specie di compagno di giochi da seguire per i suoi preziosi consigli. Un altro aspetto interessante da non sottovalutare riguardo questa emergente ondata di piccoli imprenditori on line è l’idea che i loro commenti ai video giochi, come quelli di PewDiePie anche se goliardici e irriverenti non hanno nulla di fittizio o abilmente costruito dai professionisti del marketing advertising come possono essere le recensioni che compaiono sotto ogni applicazione del proprio smartphone, le quali sono spesso oggetto di critica perché risulterebbero abilmente mirate e manipolate al fine di ottenere un maggior numero di download.