Come monetizzare un sito con Adsense



Google Adsense è il programma di affiliate marketing più in voga tra coloro che desiderano imparare a monetizzare il proprio sito web, arrivando ad inserire nel proprio blog dei banner pubblicitari per poter ricavare un solido introito dai click generati dai visitatori. In generale possiamo affermare che sul web esistono diverse aziende a cui è possibile iscriversi gratuitamente e che consentono di prelevare banner e altro materiale pubblicitario da inserire nel proprio sito o blog, ma resta senza dubbio Adsense il programma più efficiente ed intuitivo, grazie ad un meccanismo gratuito che permette di prelevare dal pannello di amministrazione dei codici da inserire nelle nostre pagine, che faranno apparire dei banner con dei relativi annunci che ci permetteranno di guadagnare.

Adsense

Tutto ciò sarà possibile per mezzo di un sistema interno che consentirà di farci accreditare una somma di denaro ogni volta che i visitatori cliccheranno su questi banner, la cui entità del guadagno dipenderà dal tipo di annuncio che avremmo scelto. AdSense ha una serie di vantaggi tra cui quello di mostrare sempre in automatico pubblicità contestuali e pertinenti. In altre parole i banner inseriti sul nostro spazio web saranno in linea con le ricerche fatte dall’utente durante la sua quotidiana navigazione on line o comunque collegate al campo tematico del nostro spazio web. In questo modo ci saranno maggiori probabilità di ricevere click e quindi di ricavare un opportuno introito.

Pubblicità contestuale all'argomento del sito

Pubblicità contestuale all’argomento del sito

A questo vantaggio se ne aggiungono altri come la semplicità d’uso nella scelta di banner tra formati di diversa grandezza con la possibilità di personalizzare  colori e font, adattandoli dunque al design del nostro sito, arrivando a scegliere perfino i bordi e gli sfondi dell’annuncio per meglio integrare il testo pubblicitario. Infine, cosa davvero importante è che i pagamenti inviati da Google AdSense avvengono puntualmente e senza alcun tipo di problema o ritardo, garantendo un servizio sicuro, trasparente e affidabile. Inoltre AdSense dispone di un numero praticamente illimitato di aziende disposte a pagare per far veicolare il proprio messaggio pubblicitario in tutto il mondo.


Quindi, al di là della tipologia di argomento trattato dal sito e dalla provenienza dei visitatori, Adsense ha il grande potere di targetizzare il flusso delle visualizzazioni accumulate dallo spazio web in modo da renderlo potenzialmente monetizzabile perché capace di generare il numero sufficiente di click, ognuno dei quali può permettere al proprietario del sito di guadagnare fino a 100 euro. Cosa che nessun altro network è in grado di garantire. In generale se un sito ha migliaia di visite giornaliere ma genera 0 click sui propri annunci, il guadagno sarà pari a 0. Se invece un blog genera poco traffico, ma tutti molti visitatori cliccano sugli annunci, allora alla fine della giornata la somma generata potrebbe essere davvero interessante. Di conseguenza il segreto per imparare a guadagnare con AdSense è far aumentare la percentuale dei click, e cioè il CTR, laddove uno dei fattori che più influenza il CTR è la dimensione dell’annuncio.

I formati banner più usati

Per questa ragione si tende a consigliare un formato Leaderboard (782×90) perché questo tipo di banner viene inserito in cima alla pagina, vicino al logo del sito generando il maggior numero di click. Come anche il banner standard (468×90) che genera buone percentuali, offrendo un buon CPC (cost per click). Senza dimenticare il formato Large Skyscraper (160 x 600) con cui è possibile scegliere sia la visualizzazione di immagini che di semplice testo o entrambe in modo alternato. Fino al formato ad size or Large Rectangle (336 x 280), laddove è possibile scegliere di far visualizzare un’immagine oppure del testo. La migliore posizione per questo annuncio è la sidebar, ammesso che il sito abbia una sidebar abbastanza grande per includerlo.