Ubi Banca S.p.A



Il 1 aprile 2007 dalla fusione delle Banche Popolari Unite e dalla Banca Lombarda e Piemontese è nata l’UBI Banca S.p.A. Facendo un passo indietro di quattro anni, ovvero nel 2003, vediamo che il gruppo della Banche Popolari Unite nacque dall’unione della Banca Popolare di Bergamo e dalla Banca Popolare del Commercio e dell’Industria.

Sommario

Queste due banche, con la loro storia, è molto antica e significativa, infatti tutte e due hanno contribuito a far accrescere lo sviluppo economico del territorio nazionale, fin dal 1861, proprio dall’Unità d’Italia.

Ubi Banca: un punto di riferimento polifunzionale

ubi banca riferimentoLa Ubi Banca nasce con l’intento principale di rivolgersi ai propri clienti al dettaglio, come ad esempio alle famiglie, oppure alle piccolo-medie imprese e anche ai piccoli operatori di economia, e questo viene effettuato tutto tramite il conto bancario qubi banca.

Nel momento in cui l’Ubi Banca venne fondata venne scelto in maniera ponderata e ben attenta il simbolo che sarebbe diventato quello più rappresentativo nel mondo economico e finanziario della banca stessa.
Possiamo dire che UBI non è solo un acronimo che indica appunto la fusione tra due banche, ma anche un chiaro messaggio che la stessa banca trasmette e vi si riconosce.

Infatti il termine “ubi” deriva dal latino, questo termine significa “ovunque”. Questo particolare termine vuole rappresentare l’ideale che questa Banca ha reso proprio, ovvero essere unita, polifunzionale e anche internazionale al tempo stesso. Questo è proprio lo scopo della banca ovvero di essere “ovunque”.

L’Ubi banca come molti già sanno ha un occhio di riguardo per l’imprenditoria, come precedentemente spiegato, questo occhio di riguardo gli ha permesso di fare dei finanziamenti attivi per l’aiuto dell’economia locale e anche delle aziende che operano sul territorio e vi sono situate, in questo modo vuole far crescere e guadagnare tutte quelle imprese che hanno finanziato.

Il gruppo Ubi Banca è ovviamente quotato in Borsa, precisamente alla Borsa di Milano e vi sono più di 1500 filiali per lo più distribuite sulle regioni di Lombardia e Piemonte. Il capogruppo ha sede a Bergamo. Ovviamente la presenza della Ubi Banca è situata anche in altre regioni e, seguendo il proprio ideale, è persino dislocata sull’internazionale, nel quale vanta grandi affiliazioni con banche estere e partecipazioni di società straniere. Tutto questo accoglie più di quattro milioni di clienti nel mondo.

Nel mondo la Ubi Banca si affida al programma che viene definito Ubi World e che si occupa dell’aiuto alle imprese italiane con dei clienti stranieri. Inoltre pone il suo aiuto finanziario con servizi di sostegno internazionale alle varie aziende.

I vari paesi esteri nei quali sono presenti delle filiali di Ubi Banca sono: Madrid, Monaco di Baviera, Cracovia, Mentone, Antibes, Nizza; ma anche Mosca, Shangai, Hong Kong, Dubai, San Paolo, Mumbai, Casablanca e New York.

L’adeguamento di Ubi Banca

ubi banca adeguamentoIl Consiglio dei Ministri, sotto la presidenza di Matteo Renzi, nel gennaio 2015 attraverso un decreto legge aveva imposto che l’intestazione delle banche popolari che dichiaravano in positivo più di otto miliardi doveva cambiare, quindi da Società cooperative per Azioni, divennero Società per Azioni.

Anche l’Ubi Banca si adeguò a questa normativa proprio dopo che nell’ottobre del 2015 i soci in una assemblea straordinaria avevano approvato il cambio di intestazione. A questa assemblea straordinaria presero parte 2500 socie sui 5032 che facevano parte del valore capitale. I voti palesi furono:

  • 4975 a favore (ovvero il 98,87% dei votanti)
  • 26 contrari
  • 31 astenuti

Quindi dal 12 ottobre 2015 Ubi Banca divenne una S.p.A e tale cambiamento venne registrato presso il Registro delle Imprese di Bergamo.

Incorporare per crescere al servizio del territorio

L’obiettivo con il quale è nata Ubi Banca è stato quello di poter racchiudere al suo interno una serie di banche locali, di cui era costituita all’inizio. Proprio con questo ha potuto estendere i suoi servizi su un territorio molto più vasto, puntando ad organizzare una sorta di strategia imprenditoriale che mirava alla crescita e alla cura del cliente.

Il progetto di Banca Unica, nato tra il 2016 e il 2017, ha fuso al suo interno le principali banche:

  • Banca Popolare di Bergamo
  • Banco di Brescia
  • Banca Popolare Commercio e Industria
  • Banca Regionale Europea
  • Banca Popolare di Ancona
  • Banca Carime
  • Banca di Valle Camonica

Dopo la finalizzazione dell’incorporamento la Ubi Banca strutturò la Banca Unica in cinque piccole aree divise per territorio. Queste vennero create per fare in modo che la banca principale fosse aiutata nella gestione locale. Le aree sono le seguenti:

  • Bergamo e Lombardia Ovest
  • Brescia e Nord Est
  • Milano ed Emilia Romagna
  • Nord Ovest e Centro Sud

Anche altre banche entrarono nel gruppo unito dopo che l’Ubi Banca acquisì delle TBI (Target Bridge Institutions). Le varie banche sono le seguenti:

  • Nuova Banca delle Marche
  • Nuova Banca dell’Etruria e del Lazio
  • Nuova Cassa di Risparmio di Chieti
  • Banca Federico del Vecchio
  • Cassa di Risparmio di Loreto
  • Oro Italia Trading
  • Banca Assurance Popolari
  • Banca Assurance Popolari Danni
  • Banca Adriatica e Carilo
  • Banca Tirrenica
  • Banca Teatina

Ubi Banca, partner e sponsor

La Ubi Banca non offre solo una gamma piuttosto vasta ed ampia di servizi per le famiglie e per le imprese, ma è anche una banca particolarmente attiva per quanto riguarda partnership e sponsor per società e iniziative di stampo sportivo, culturale e benefico.

La Ubi Banca attraverso la sua speciale e particolare attenzione alle attività e alla crescita del territorio ha fatto in modo di sostenere delle importanti iniziative, che fossero piccole o grandi, sono sempre stati impegni che hanno permesso al nostro Paese di ampliare la propria realtà.

Queste sono le seguenti attività di partnership che la Ubi Banca si è concessa come sponsor:

  • Juventus, tramite l’apertura di un libretto di risparmio per bambini e ragazzi
  • Atalanta, tramite l’affiancamento della squadra con prodotti brandizzati
  • Brescia Calcio
  • NBA
  • Federazione Pallacanestro Italiana
  • Aurora Basket Jesi
  • Volley LUBE
  • Club Scherma Jesi
  • Mostre d’arte
  • Accademia del Teatro della Scala, tramite offerte di prodotti e servizi ai dipendenti
  • AIRC, tramite raccolte fondi
  • Cesvi

Struttura della Banca Unita

Al momento attuale il gruppo Ubi Banca è composto al suo interno da organi bancari che formano la Banca Unita, attraverso la gestione degli investimenti dei privati, di aziende e di famiglie: una di queste è la IW Bank S.p.A.
Le società di questo genere si occupano anche di cessione dei quinti; asset management, Factorin, leasing, Lombarda Vita, Aviva Vita, Bancassurance Popolari, Società di servizi, Re.O.Co e Società immobiliari.

I servizi su misura della Ubi Banca

ubi banca serviziLa Ubi Banca oltre a tutte le ampie offerte e partnership sul territorio e anche all’estero, offre in più tre servizi studiati appositamente per ogni esigenza del cliente e in un modo facile e dedicato.
Questi tre servizi sono l’Internet Banking, la Trading Ubi Banca e le carte di credito Ubi Banca.

Internet Banking è un servizio che ci dà la possibilità di operare sul nostro conto in qualsiasi luogo o momento dai nostri dispositivi mobili o anche dal computer. Le caratteristiche del servizio sono che è sempre aggiornato con saldi e movimenti del conto e delle carte; la possibilità di effettuare bonifici e pagamenti dal telefono; la possibilità di consultare l’informativa finanziaria e anche l’opzione “Le mie contabili” con cui diamo il permesso all’invio online dei vari documenti bancari, anziché essere consegnati tramite posta, alla maniera tradizionale.

Trading Ubi Banca, le cui caratteristiche del servizio ci danno la possibilità di seguire i vari movimenti e gli andamenti dei mercati italiani ed esteri; il consulto dell’informativa finanziaria come sopra; la possibilità di acquistare o vendere titoli azionari; il costante aggiornamento del deposito dei titoli e anche il Capital Gain, ovvero il consulto della nostra posizione fiscale.

Possiamo usufruire del servizio anche attivando uno dei profili vari:

  • Informativo, al quale possiamo accedere in maniera veloce alle informazioni su conto, carte, mutui e finanziamenti, senza costi di gestione
  • Banking, che ci informa in maniera costante e ci permette di operare sui rapporti del cliente. Il costo del servizio è di appena 1 euro al mese
  • Trading, che integra il profilo precedente ma ci dà la possibilità di operare sui titoli italiani o esteri. Il costo è di di 2 euro al mese
  • Trading Top, integra sia il profilo precedente sia quello di Banking e ci consente di comprare e vendere titoli. Il costo è di 3 euro al mese.

Per quanto riguarda le carte di credito Ubi Banca abbiamo due carte: la Carta Kalìa e la Libra Gold Superior Private.
La Carta Kalìa è una carta esclusiva che dà ai clienti diversi tipi di privilegio che vengono garantiti dal circuito Mastercard. Questa carta è stata creata e pensata per fare in modo da gestire in modo più efficace ogni tipo di spesa e garantire una certa libertà di uso. Grazie ai parametri del circuito Mastercard, alla tecnologia Contactless e al Mastercard SecureCode, questa carta ha la possibilità di avere un’ampia manovra.

I servizi offerti dalla Carta Kalìa sono esclusivi, come ad esempio il Concierge best in class, che ci permette l’organizzazione di viaggi e l’acquisto di biglietti e anche il consiglio di ristoranti; il Priority Pass che ci consente l’accesso in qualsiasi tipo di aeroporto alle VIP Lounge; l’assistenza assicurativa per i viaggi tranquilli e il Priceless Cities Mastercard, che ci dà l’accesso a questi privilegi nel programma.

La Libra Gold Superior Private è una carta per i privati di grado superiore, questa può essere usata in Italia e anche all’estero, sia online che nei negozi e nelle attività convenzionate.
Con la tecnologia Contactless possiamo usare la carta semplicemente avvicinandola al POS e senza digitare il PIN per i pagamenti inferiori ai 25 euro.

I servizi della Libra Gold Superior Private sono la spesa massima di 100.000 euro al mese; il Rebate Program che permette l’azzeramento della quota associativa; la copertura assicurativa; il Mastercard SecureCode e l’accesso al Prgramma Priceless Cities e ai vari privilegi.

Il piano di sviluppo della Ubi Banca

Dal momento della sua creazione la Ubi Banca si è rivelata essere un gruppo molto costante nella crescita e ha saputo aumentare il suo valore nell’arco di poco tempo, proprio grazie alle sue strategie mirate sul territorio e con le offerte di servizi diretti agli utenti e alle loro esigenze.

La fidelizzazione dei clienti è avvenuta grazie anche alle scelte di finanziamenti alle piccole-medio imprese e alle società culturali e sportive. Una caratteristiche che ha reso la Ubi Banca molto coerente con le sue scelte e con la sua mission già dal momento della fondazione.

Per quanto riguarda il futuro l’Ubi Banca pensa e prevede di crescere nei suoi proventi passando dai 3,4 ai 3,8 miliardi nel 2020. Questo significa che potrebbe essere un vero e proprio trampolino di lancio per l’abbassamento del costo del credito. Ovviamente si tratta di una manovra molto prudente in vista di un possibile aumento del prodotto interno lordo.

Nonostante la crisi economica e la tecnologia che cambia la Ubi Banca non si è tirata indietro, ma anzi ha accettato la sfida dei tempi e ha inserito nel suo piano industriale persino l’adeguamento di nuovi standard per mercato e clienti.