Come si sceglie l’hosting per il tuo sito



La scelta dell’hosting per il proprio sito è un passaggio fondamentale che non va’ assolutamente sottovalutato. Per questa ragione bisogna capire quali sono i criteri a cui dobbiamo affidarci nella valutazione di un hosting, anche perché ce ne sono numerosi sul mercato ognuno dei quali presenta i suoi pro e i suoi contro che dobbiamo tenere in considerare per poter fare una scelta oculata.

In generale possiamo affermare che esistono tre diverse tipologia di hosting:

1.HOSTING CONDIVISO: particolarmente consigliato per i neofiti sia per la sua estrema facilità d’utilizzo e sia per il fatto di essere decisamente economico rispetto agli altri. Esso è condiviso insieme agli altri utenti che si trovano sullo stesso server.

2.SERVER VIRTUALE: tecnicamente si tratta di un server sempre condiviso ma che si può gestire come se fosse di nostra esclusiva proprietà. Per questo motivo il Server virtuale non viene penalizzato da un uso eccessivo della memoria che solitamente è condivisa con gli altri clienti dell’hosting oltre al fatto che non è soggetto ad eventuali attacchi hacher.

3.SERVER DEDICATO: è una soluzione consigliata per un progetto on line di successo e quindi viene scelta quando il vostro sito genera un traffico importante. Per cui è un server dedicato solo al vostro sito con tutti i vantaggi legati alla sicurezza.

A questo punto possiamo provare a stilare una lista delle principali feature necessarie per valutare l’hosting migliore per il vostro sito. Di conseguenza dobbiamo tenere bene in considerazione 4 aspetti:


1.ASSISTENZA: un hosting che si rispetti deve fornire un’adeguata e costante assistenza in caso di difficoltà per potervi aiutare a gestire una serie di problematiche legate alla configurazione e alla connettività

2.PANNELLO DNS: per poter gestire al meglio il vostro dominio e quindi reperire NS e auth code, tale hosting deve essere dotato di un pannello DNS che ci consentirà di intervenire nell’immediato direttamente sul sito

3.BANDA e SERVIZIO WEB: per supportare il traffico dei visitatori la banda e lo spazio web devono essere capienti o meglio illimitate

4.CPANEL o PLESK: che supportano davvero tanti servizi che possono essere utili per gestire tutto con più semplicità e senza perdere tempo.

Nella scelta dell’hosting del vostro sito sono particolarmente consigliate le soluzioni open source che vengono considerate un’interessante alternativa gratuita ai famosi software commerciali. Tra i vantaggi spiccano: la facilità di utilizzo grazie alle indicazioni del codex di WordPress, la possibilità di espandere sfruttando ad esempio il Composer di PHP, per non parlare di una serie di numerosi plugin, librerie e CMS open source, oltre ad un valido supporto offerto dalla comunità e dai forum liberi. In siffatto contesto WordPress, è una di queste soluzioni tra le più usate per i siti web attuali.

Coloro che hanno una certa dimestichezza con i servizi di hosting sanno perfettamente che ci sono altri aspetti che bisognerebbe considerare per fare un’adeguata valutazione che porterà alla scelta dell’hosting definitivo per il vostro sito. Tra questi vanno menzionati la bandwidth che è correlata al traffico che riceve il sito e da quanto sono pesanti le pagine web all’interno di esso, laddove con 15 gb di bandwidth si può davvero dormire sogni tranquilli, ma se il sito inizia generare più di 2000 visite al giorno, allora bisognerebbe passare ad un server virtuale o dedicato.

Inoltre per far crescere il vostro sito la scalabilità è un aspetto molto importante per questo bisogna affidarsi ad un hosting che consente di fare l’upgrade tutte le volte che lo desiderate, mentre se scegliete un hosting sbagliato si può arrivare anche a perdere l’indicizzazione faticosamente conquistata su Google. Infine quando si sceglie un hosting bisogna stare attenti quelle aziende che si nascondono dietro la filosofia unlimited dato che all’interno del pacchetto ci potrebbero essere delle limitazioni particolari che non vengono espressamente dette come il numero di file ospitabili.