Le nicchie più redditizie con Adsense



Per poter guadagnare online tramite un programma di affiliate marketing come Google AdSense che offre ai propri publisher l’opportunità di monetizzare il traffico generato dalle visualizzazioni sul proprio spazio web, occorre individuare quali siano gli argomenti più redditizi su cui investire il proprio tempo.

A tal proposito le “nicchie” hanno un ruolo determinante nella scelta del campo tematico su cui viene strutturato il proprio spazio web. Laddove una “nicchia” è considerata un settore altamente redditizio perché ha conquistato un’autorevolezza specifica su un dato argomento diventando così il referente ufficiale di una determinata area contenutistica. Ragion per cui questo risultato viene determinato dal volume delle visualizzazioni che faranno lievitare il proprio guadagno.

Ovviamente i settori che assicurano ai siti i maggiori guadagni hanno un enorme concorrenza e per superare tutti gli avversari bisognerà offrire un servizio alternativo che ha il potere di compensare le carenze degli altri siti online, e dunque andando così a rispondere a quelle esigenze che finora non sono state soddisfatte. Attualmente esistono alcuni settori specifici che “sulla carta” hanno un maggior numero di inserzionisti rispetto ad altri e che a conti fatti sono a conoscenza dell’ottimo volume d’affari che possono ricavare tramite AdSense, grazie ad un guadagno legato al CPC, ovvero il cost per click, laddove il prezzo medio dell’introito è calcolabile sulla base di ogni click.

Nicchia molto redditizia VS concorrenza

Ovviamente ai fini di un positivo guadagno con gli strumenti offerti da Google AdSense non bisogna tenere in considerazione solo questo parametro di monetizzazione, ma analizzare una serie di valori e criteri che possono influire in maniera determinante sul successo o l’insuccesso di un blog. Tra questi vanno menzionati due aspetti che hanno un valore decisivo ai fini di un’adeguata monetizzazione online, e riguardano la SEO e il traffico Social.


Nel primo caso occorre capire se la parola chiave su cui punteremo la nostra pagina web sia oppure no competitiva e dunque se sia difficile oppure no posizionare e ottimizzare i contenuti del nostro spazio web. Nel secondo caso dobbiamo puntare a rendere il più possibile virali i nostri contenuti per attirare in maniera crescente un numero sempre più alto di visualizzazioni. Per farlo dobbiamo sfruttare a nostro vantaggio la condivisione sui social network come cassa di risonanza per attirare sempre più persone interessate alla nicchia contenutistica che abbiamo scelto.

Ecco le nicchie adsense più redditizie

Tra gli argomenti più redditizi spiccano senza dubbio quelli relativi alla salute e al benessere del proprio corpo tra cure di varia natura e percorsi depurativi, passando dalle opzioni binarie e dal Forex ai mutui e alle assicurazioni, dai servizi e prodotti informatici alla cura della casa, dall’istruzione fino alla sicurezza.

Come trovare le nicchie più redditizie ?

Per trovare la “nicchia” più redditizia su cui impostare il nostro blog occorre individuare il campo tematico più vicino alle nostre passioni e competenze, e per farlo bisogna analizzare il valore delle offerte consigliate agli inserzionisti tramite Keyword Planner, lo strumento di pianificazione delle parole chiavi offerto da Google e in particolare analizzare il volume di ricerca delle parole chiavi ed il livello di diffusione che i contenuti possono avere sui social. A tal proposito ci sono dei settori che sembrano particolarmente redditizi ma che hanno scarsi volumi di ricerca, mentre altri in cui il costo per click è inferiore ma ha un numero maggiore di persone coinvolte.

Inoltre il target può influire molto sul CTR, anche se è abbastanza difficile trovare dati affidabili sul rapporto tra tipologia di persone coinvolte e tasso di click. Ovviamente per cercare di capire quale sia la nicchia più vicina alle proprie competenze e soprattutto quella più redditizia occorrerà andare avanti per tentativi coniugando costanza, impegno e continua analisi dei dati forniti da Google Analytics.