• Home »
  • News »
  • Giocare in Borsa facendo trading online di CFD: alcuni consigli utili

Giocare in Borsa facendo trading online di CFD: alcuni consigli utili



Fare trading online con i Contratti per Differenza, comunemente chiamati CFD, vuol dire ricavare introiti tramite l’utilizzo di strumenti finanziari negoziabili on line. In poche parole essi consentono di ottenere dei buoni profitti semplicemente analizzando l’oscillazione dei prezzi di una specifica attività finanziaria come potrebbe essere il cambio delle valute oppure gli scambi sulle materie prime. Per capire meglio di cosa stiamo parlando, abbiamo pensato bene di fornirvi un pratico esempio.  Ebbene se stiamo facendo trading con questi CFD puntando sul titolo Apple possiamo iniziare a guadagnare in base alle oscillazioni del valore del titolo già quotato in borsa.

Questi Contratti per Differenza ci consentono di ottenere un guadagno sicuro sulla base del loro pronostico orientato su come il titolo si muoverà in borsa, rispondendo ad una semplice domanda: salirà oppure si deprezzerà? A ciò si aggiunge un altro vantaggio dei CFD e cioè che essi consentono a chiunque di avvicinarsi a questo tipo di contrattazioni. Ragion per cui se i potenziali trader non hanno una maturata competenza in fatto di quotazioni in borsa ma soprattutto se non dispongono di grandi capitali non devono scoraggiarsi perché i CFD facilitano le operazioni permettendo a tutti di avvicinarsi a questo mondo. In siffatto contesto basterà puntare sul rialzo o sul ribasso del titolo per poi attendere l’esito della propria scommessa.

Entrando nell’ottica delle quotazioni in borsa inizieremo a comprendere alcune dinamiche fondamentali che si riveleranno vantaggiose rispetto ai classici investimenti in borsa, perché spiccheranno non solo per praticità ma anche per rapidità. In siffatto contesto i CFD offrono la possibilità di negoziare online direttamente dal nostro pc o semplicemente da un dispositivo mobile con brevi e intuitivi passaggi, anche senza disporre di un’adeguata preparazione bancaria.  


Sempre più utenti scelgono un investimento tramite CFD dato che essi non prevedono l’utilizzo di titoli cartacei ma per poterli sfruttare al meglio basta solo un clic e in pochi secondi le posizioni disponibili si possono aprire e chiudere, anche dopo qualche ora a seconda dell’andamento del titolo e del profitto atteso. Questa pratica comporta un consistente vantaggio dato che in questo modo non si dovranno sostenere i costi per le imposte di bollo e per la gestione. In pratica grazie ai CFD noi non entriamo in possesso materialmente con i titoli e questo ci permette di poterli negoziare in modo veloce con lo scopo di ricavarne il massimo profitto in breve tempo. Per ciò che concerne l’entità del profitto esso può essere elevato anche quando il titolo è in ribasso, specie se ci muoviamo in short e quindi solo se scommettiamo sul ribasso del titolo, ma se lo facciamo in ‘Long’ scommettiamo in pratica sulla possibilità che il titolo aumenterà di valore.

Chi si affida ai Contratti per Differenza deve tenere conto di una serie di aspetti per poter operare nella maniera più costruttiva possibile. Ebbene il trader è libero di tenere aperta la propria posizione per tutto il tempo che desidera, anche se così andrà incontro a dei costi, con la possibilità che tali commissioni aumentino per il cambio del mantenimento della posizione durante la notte (3 notti nel week end). Tale conseguenza è strettamente connessa con le ragioni che si celano dietro la creazione di questi tipi di contratti ideati al fine di ottenere risultati in breve tempo, comprando in un mercato al rialzo o al ribasso e speculando sulle oscillazioni del titolo.

Il modo migliore per sfruttare questi specifici strumenti è quello di servirsi con maggior efficacia della loro leva finanziaria. Infatti i CFD sono degli strumenti soggetti a leva, e ciò vuol dire che permettono all’utente di potersi esporre solo per una percentuale più bassa e non per tutto l’ammontare complessivo del valore delle azioni negoziate. Esempio: se usate una leva da 1:20, con un investimento di 50 euro potete gestire il valore di 1000 euro del titolo sul quale investite. Tenendo bene a mente che i tassi di margine e la leva variano automaticamente a seconda del titolo ma anche della piattaforma con cui vogliamo effettuare le operazioni di mercato.

Un altro consiglio che ci sentiamo di suggerirvi è quello di crearvi un portafoglio bancario di azioni andando a scegliere i componenti tra migliaia di azioni in tutto il mondo, che sono generalmente quotate sui principali mercati. Quindi non fossilizzatevi solo su azioni italiane, ma orientatevi verso azioni provenienti anche dai cinque continenti. Infine non escludete alcuna azione, senza dimenticare che potete negoziare sulle materie prime, sui fondi ETF e sugli indici di borsa. Occorre però fare attenzione. Ci sono delle materie prime che in virtù della maggiore volatilità del titolo possono subire delle perdite considerevoli.

Conclusioni

Il trading online con i CFD deve essere supportato da una buona preparazione tecnica ma soprattutto da una comprovata pratica. Per questo motivo, come consiglia il sito investireinborsa.org, è consigliato sempre fare una simulazione prima di negoziare con fondi reali, iscrivendovi gratuitamente alle piattaforme specifiche on line, le quali consentono di operare in Demo e di imparare a sfruttare al meglio le strategie di Borsa. Inoltre per evitare di perdere ingenti capitali se non si ha ancora dimestichezza con questo tipo di operazioni di trading, è inutile investire somme esorbitanti ma procedere per gradi. Per questo vi consigliamo di prepararvi duramente tramite periodi di prova, leggendo guide e informandovi su tutti i vantaggi e gli svantaggi in generale, con lo scopo di evitare uno sperpero inutile di denaro.