Differenze tra opzioni binarie e CFD



differenza opzioni binarie cfd

Quando si comincia il proprio percorso nel mondo del trading online ci si trova molto spesso davanti a una scelta: opzioni binarie o CFD? Domanda più che lecita dal momento che ci avviamo verso un mondo (quello del trading) che è molto vario. Ma cosa sono questi CFD? Questo è l’acronimo che sta per Contracts for Difference, ovvero Contratti per Differenza. Questi non sono altro che delle tipologie di futures che funzionano benissimo per quanto riguarda il trading online.

Con i CFD è possibile, infatti, negoziare delle azioni, quindi acquistarle e venderle senza però averle in proprio possesso. Cosa comporta questo? Semplicemente il fatto che tutto è ridotto ad essere più semplice e veloce rispetto a una compravendita con azioni bancarie. Questi CFD sono molto sicuri, infatti seguono l’andamento del prezzo di un’azione, senza però alterarlo. In altre parole possiamo dire che se il prezzo di un’azione subirà un rialzo, si alzerà anche il CFD.

A questo punto qual’è la differenza tra questi CFD e le opzioni binarie? La differenza sta nel fatto che il trader online che negozia in opzioni binarie non guadagna sulla base del rialzo del titolo, bensì il guadagno sarà in percentuale fissa in base al corretto pronostico. Questo vuol dire che anche se il pronostico è giusto di appena un minimo, il guadagno del trader sarà equivalente allo stesso modo che il pronostico sia giusto di molto. Il suo profitto sarà di un 75% esempio in tutti i casi il pronostico sia giusto.


Un’altra delle differenze sta nell’esperienza che viene richiesta riguardo al trading online. Per quanto riguarda le opzioni binarie abbiamo bisogno appena della base giusta per poter cominciare a negoziare, basterà semplicemente avere un’idea generale delle dinamiche e dei meccanismi che governano le opzioni binarie per cominciare il nostro percorso nel trading.

Mentre per quanto riguarda i CFD le scadenze sono piuttosto lunghe, rispetto a quelle delle opzioni binarie, allo stesso modo anche gli investimenti sono piuttosto elevati, inoltre l’uso delle leve presenti, richiede tempo e studio. Per quanto riguarda la pratica i CFD in questo caso sono preferibili sulle opzioni binarie, soprattutto per il fatto che le piattaforme di trading con CFD offrono delle versioni demo senza versare nulla sul conto reale, a differenza della maggior parte delle piattaforme di opzioni binarie che richiedono tra i 100 e i 250 euro per poter usufruire del conto demo virtuale.

Differenze tra opzioni binarie e CFD: vantaggi e svantaggi

Un altro elemento presente nei CFD e che rende le opzioni binarie più accessibili sono i lotti. Questi lotti sono quantità negoziabili di CFD che variano in base al titolo scelto. Questi lotti sono acquistabili. L’esempio è facile, se una società ha 10 lotti, un’altra società potrà averne 100, tutto questo è molto costoso. Il sistema dei lotti non è presente nelle opzioni binarie.
La differenza sostanziale tra opzioni binarie e CFD sta anche nei termini di scadenza, infatti nei CFD potete decidere quando vendere, anche in giornata volendo, nelle opzioni binarie la scadenza è prestabilita. Questo significa che fin dall’inizio stabilirete voi il termine di scadenza. Potrete negoziare anche su un periodo di 30 secondi, in questo modo saprete subito su il pronostico da voi effettuato sarà “in the money” o “out the money”.

In conclusione si può dire che per quanto riguarda i CFD occorre avere un determinato tipo di esperienza e ciò non è accessibile a chiunque, anche se comunque si può fare dell’esperienza con le piattaforme demo gratuite. Per quanto riguarda le opzioni binarie, invece, tutto è più semplice, non è richiesta esperienza pregressa, ma solo un’infarinatura generale sul sistema generale. Si consiglia però anche questo caso di fare esperienza sulle piattaforme demo, in modo che a lungo andare avrete un’esperienza seria, da puntare anche su un futuro nel sistema CFD.