Cosa negoziare con i CFD



Cosa negoziare con i CFD

Vedremo in questo articolo come fare trading online con i CFD. Cominciamo subito con il dire che oltre alle azioni è possibile negoziare anche su materie prime, valute, fondi ETF e anche indici. Sempre pronosticando al rialzo oppure al ribasso di un determinato strumento finanziario. I CFD sono disponibili anche per quanto riguarda il Forex, questi ci permettono quindi di negoziare su un mercato a carattere valutario, quindi di pronosticare su un ribasso o rialzo anche di singole coppie di valute ad esempio EUR/USD, EUR/JPY etcc… I vantaggi del fare trading con i CFD in Forex sono quelli soprattutto dell’alta leva che viene offerta dai broker della piattaforma, che sono circa 1:200. Inoltre ci sono anche i vantaggi dello spread che sono più vantaggiosi rispetto ad altri strumenti.

Mettiamo in evidenza che minore è lo spread, cioè la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita dei CFD, più vantaggioso e conveniente sarà aprire una posizione finanziaria. Teniamo anche a sottolineare che la piattaforma Metatrader4 è ottimale per quanto riguarda questi strumenti finanziari, anche se rispetto ad altre piattaforma è più complicata da utilizzare. I CFD sulle materie prime invece ci permettono di effettuare del trading online sulle materie prime come petrolio, oro, argento, rame, ma anche su altre tipologie di materia come ad esempio quelle alimentari, come la soia, il riso, lo zucchero e il caffè. Per quanto riguarda le leve finanziarie sulle materie prime sottolineiamo il fatto che anche in questo caso sono molto elevate. Il nostro consiglio in questo caso, se volete fare del trading in CFD sulle materie prime è quello di fare un po’ di studio su questa materia, infatti le quotazioni sulle materie prime sono molto volatili, quindi prendevi del tempo per effettuare degli studi prima di intraprendere la negoziazione.


Cosa possiamo negoziare con i CFD?

Ci sono anche i CFD sugli Etf, questi sono dei fondi, ovvero Exchange Traded Fund. Sono dei fondi piuttosto particolari in cui i titoli sono scambiati come le azioni e hanno una liquidità alta e dei bassi costi di gestione. I CFD in questo caso permettono di scambiare gli Etf sia al rialzo che al ribasso in modo semplice e con una varietà di fondi molto buona.
I CFD sugli indici invece fanno di solito riferimento agli indici di borsa, ad esempio quelli dei mercati azionari, come il Dow Jones, il Nasdaq, il Cac etc… ma c’è anche da considerare il fatto che possono essere anche indici del tipo Mid Cap, ovvero indici che racchiudono in essi dei titoli di media capitalizzazione. I broker permettono di fare trading anche su altri indici, come il Vix ovvero l’indice di volatilità.

Ci sono infine i CFD sulle opzioni, questo è uno strumento innovativo, che prima non esisteva. In questo caso possiamo aprire delle posizioni siano Call o Put. Questo particolare strumento è consigliato per chi comincia a fare trading online ed è alle prime armi. Abbiamo già visto i vantaggi e gli svantaggi di questo strumento innovativo nell’articolo sulle differenze tra CFD e opzioni binarie.

Vediamo ora cosa usare per poter fare trading con i CFD. Per fare del trading con questi Contratti occorre avere un software che ci possa consentire di entrare sul mercato e piazzare i nostri ordini siano essi al rialzo oppure al ribasso. Questi tipi di software sono comunemente chiamati piattaforme trading CFD e sono solitamente offerte in maniera gratuita dai broker sui quali effettuiamo l’iscrizione. Il trading con i CFD si può fare sia con software scaricabili, sia tramite le applicazioni che si possono installare su dispositivi mobili. I software sono molto intuibili e non necessitano di uno studio approfondito per mettere in pratica le nostre negoziazioni.